PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ 2018
Le attività proposte sono riservate ai soci ad eccezione delle conferenze che sono aperte a tutti.
L'AAT si riserva di inserire altre manifestazioni a dipendenza delle opportunità che si presenteranno.
Segnalazioni dettagliate saranno inviate ai soci di volta in volta.
Sabato 3 febbraio
Mostra Sethi I. La rinascita di una tomba faraonica. Basilea, Antikenmuseum. La tomba del faraone Sethi I (1290-1271 a.C.) fu scoperta 200 anni or sono da Giovanni Batista Belzoni in un anfratto della Valle dei Re. La magnifica decorazione pittorica, che rievoca l'aldilà degli antichi Egizi, si è da allora degradata in maniera considerevole. La mostra illustra la storia della ricerca del monumento e le nuove tecnologie atte a salvaguardarlo per l'eternità. Visite con gli archeologi Andrea Bignasca, direttore del museo e membro di Comitato AAT, e Esaù Dozio, curatore del museo.
Lunedì 19 febbraio
Conferenza di Gregory Warden, presidente della Franklin University Switzerland e professore di archeologia: Il santuario etrusco di Poggio Colla e la scoperta della Stele di Vicchio. Due decenni di scavi hanno portato alla luce il sito di Poggio Colla, un vasto santuario collinare situato a nord-est di Firenze. Alle testimonianze della vita quotidiana e dei rituali della civiltà etrusca, si aggiunge l'importante scoperta della "Stele di Vicchio" che riporta una delle tre più lunghe e antiche iscrizioni sacre della cultura etrusca. Lugano, Palazzo dei Congressi. In collaborazione con il FAI SWISS.
Sabato 10 marzo
Assemblea generale a Riva San Vitale, assegnazione Borsa di studio AAT-CETRA 2017-2018, visita guidata al Battistero di Riva San Vitale con Rossana Cardani Vergani, responsabile del Servizio archeologico cantonale (UBC) e pranzo sociale al Ristorante Svizzero a Capolago.
Sabato 24 marzo
Mostra Nasca. Perù, alla ricerca di tracce nel deserto. Zurigo, Museo Rietberg. Si tratta probabilmente della più importante mostra mai vista in Europa, con straordinari reperti inediti provenienti dal Museo di Lima, interamente dedicata alla cultura Nasca (200 a.C.-650 d.C.), famosa per le sue misteriose linee tracciate sulla sabbia, che formano figure gigantesche visibili solo dall'alto. Chi erano i Nasca, quale l'origine della loro civiltà, quale il loro destino finale? Visite guidate in italiano e in francese.
Sabato 28 aprile
Mostra Ercolano e Pompei: visioni di una scoperta. Chiasso, m.a.x. museo. Visita guidata con Nicoletta Ossanna Cavadini, co-curatrice della mostra.
Da giovedì 10 a domenica 13 maggio
Viaggio nella Preistoria: Périgord e Dordogna. Weekend lungo di eccezionale interesse in compagnia del prof. Umberto Sansoni, esperto di arte rupestre, per visitare il Musée National de Préhistoire ad Eyzies-de-Tayac e per ammirare le più famose grotte affrescate della regione del Périgord e della Dordogna: Lascaux II, la Grotta Chauvez, la Grotta di Rouffignac con 8 km di gallerie e altre ancora.
Giovedì 13 settembre
Mostra Il Patrimonio si racconta. Valori e visioni nel Cantone Ticino. Bellinzona, Castello di Sasso Corbaro.  L'esposizione propone un percorso innovativo per scoprire la ricchezza e la diversità del patrimonio culturale ticinese, nonché il grande lavoro di chi si occupa di proteggerlo, comunicarlo e trasmetterlo alle prossime generazioni. Visita guidata con Giulio Zaccarelli, curatore della mostra.
Sabato 29 settembre
Escursione alla scoperta delle ville della Valle Malvaglia. Visita di alcune ville (Madra, Dandrio e Dagro) e di Germanionico con Giulio Foletti, capo Servizio inventario dell'Ufficio dei beni culturali e Alessandro Ratti, storico. In collaborazione con l'Associazione Amici della Valle Malvaglia e la Filovia SA Malvaglia-Dagro. In caso di brutto tempo spostata al 6 ottobre.
Da martedì 16 a lunedì 22 ottobre e da martedì 23 a lunedì 29 ottobre
Viaggio in Calabria e Puglia. Tra le genti della Magna Grecia. Reggio Calabria, Locri Epizefiri, Sibari, Stilo, Solacium, Metaponto, Matera, Bari sono alcune tra le molte località che il viaggio toccherà, percorrendo le antiche strade della Magna Grecia, tra Calabria e Puglia, per visitare siti archeologici importanti ancora in corso di scavo e dislocati in paesaggi spettacolari, musei che conservano testimonianze uniche come i Bronzi di Riace (ma non solo) e città storiche di rara bellezza architettonica. Un percorso cronologico dalla classicità al Medioevo fino ai giorni nostri. Con l'archeologo Alessandro Pace dell'Università Statale di Milano.
Mercoledì 7, 14, 21 e 28 novembre
Corso Le vie di commercio e le conoscenze geografiche nell'antichità. Lugano, USI, Palazzo Rosso, aula 11. La via dell'ambra (Elisabetta Gagetti), L'età arcaica e classica, i viaggi di Pitea (Stefano Magnani), La geografia in età ellenistico-romana. La teoria del commercio con le isole dei Caraibi (Lucio Russo), La via della seta (Marina Montesano).