Assemblea generale
Assemblea generale, attribuzione della Borsa di studio AAT 2009, conferenza degli archelogi Eva Carlevaro e Luca Tori, curatori presso il Museo nazionale svizzero di Zurigo "La necropoli di Giubiasco" e cena sociale.
Sabato 13 marzo - ore 16.00
Giubiasco, sala del Consiglio comunale
La necropoli di Giubiasco
Conferenza di Eva Carlevaro e Luca Tori
ore 17.30, entrata libera

La necropoli che si trovava nell’attuale zona industriale di Giubiasco fu scoperta casualmente agli inizi del ‘900. Il Museo nazionale si rese conto immediatamente dell’importanza del ritrovamento e decise quindi non solo di acquistare gli oggetti rinvenuti ma altresì di sorvegliare l’andamento degli scavi. Con più di 560 tombe, il sepolcreto di Giubiasco rappresenta una delle maggiori necropoli preistoriche della Svizzera, con un periodo di occupazione molto lungo che si estende dal Bronzo recente alla romanità. Le sue sepolture sono contraddistinte da una notevole ricchezza: numerose sono le tombe di guerrieri celtici, altrimenti rare in Ticino, e le tombe femminili sono caratterizzate da oggetti di notevole prestigio, come bracciali in argento massiccio o gioielli in ambra.
Nonostante l’importanza dei ritrovamenti, la necropoli di Giubiasco non era mai stata studiata sistematicamente. Per questo motivo nel 2002 il Museo nazionale, in collaborazione con l’Università di Zurigo, ha intrapreso un progetto di ricerca volto ad analizzare in maniera esaustiva la necropoli. Obiettivo principale è la pubblicazione, in tre volumi, della storia degli scavi e dei materiali. Il primo e il secondo volume sono stati pubblicati rispettivamente nel 2004 e nel 2006 e sono stati presentati sia a Zurigo sia a Giubiasco. Nel corso del 2010 è prevista la pubblicazione del terzo ed ultimo volume.

Eva Carlevaro è curatrice al Museo nazionale svizzero di Zurigo (servizio di archeologia). Si è laureata in archeologia delle province Romane, storia dell’arte e antropologia presso l’università di Basilea. Al momento sta terminando il dottorato di ricerca all’Università di Zurigo (Abteilung für Ur- und Frühgeschichte). Ha partecipato a scavi in Svizzera, Italia, Germania. Le sue ricerche si concentrano su tematiche legate all’archeologia funeraria e all’archeologia dei paesaggi. In particolare sulle dinamiche insediative e sull’iterazione fra uomo e ambiente a sud delle Alpi durante l’età del Ferro e la romanizzazione. Come curatrice del Museo si occupa principalmente della pubblicazione delle collezioni (coordina il progetto Giubiasco in collaborazione con l’Università di Zurigo), dell’allestimento di esposizioni e di attività divulgative. Socia AAT è stata membro del comitato GAT.

Luca Tori è curatore al Museo nazionale svizzero di Zurigo (servizio di archeologia). Si è laureato in Archeologia all’Università degli Studi di Bologna (I) dove ha poi conseguito il diploma di specializzazione in Archeologia pre-protostorica. Sta terminando il dottorato di ricerca all’Università di Zurigo (Abteilung für Ur- und Frühgeschichte) e all’École Pratique des Hautes Études (Parigi). Ha partecipato a scavi in siti dell’età del Bronzo, del Ferro e di epoca romana, in Italia e in Francia. Le linee principali delle sue ricerche abbracciano l’età del Ferro, con riferimento all’archeologia celtica, in particolare: le dinamiche di interazione tra mondo nord-alpino e mondo mediterraneo; lo sviluppo della cultura materiale e del popolamento nelle Alpi; l’archeologia funeraria, con particolare interesse al rituale e all’evoluzione del costume e dell’abbigliamento. Come curatore al Museo nazionale, si occupa principalmente della pubblicazione delle collezioni, dell’organizzazione di mostre e della divulgazione al pubblico. È membro della commissione scientifica di Archeologia Svizzera, del comitato del GAT ed è associato all’UMR 8645- CNRS ENRS, Archéologie d’Orient et d’Occident et textes antiques. Socio AAT, ha ricevuto la Borsa di studio AAT 2007 per il progetto di tesi.

• L. Tori, E. Carlevaro, Ph. Della Casa, L. Pernet, B. Schmid-Sikimic, G. Vietti, La necropoli di Giubiasco. Vol. I. Storia degli scavi documentazione, inventario critico, 2004, Zurigo.
• L. Pernet, E. Carlevaro, L. Tori, G. Vietti, Ph. Della Casa, B. Schmid-Sikimic, La necropoli di Giubiasco.Vol. II. Les tombe de La Tène finale et d’époque romaine, 2006, Zurich.
• L. Tori, Carlevaro, Ph. Della Casa, L. Pernet, B. Schmid-Sikimic, La necropoli di Giubiasco. Vol. III Le tombe dell’età del Bronzo, della prima età del Ferro e del La Tène antico e medio. La sintesi. 2010 Zurigo.
• E. Carlevaro, Ph. Della Casa, L. Pernet, B. Schmid-Sikimic, L. Tori, La riscoperta della necropoli di Giubiasco. AS, 30/1, 2007, 30-35.
• E. Carlevaro, L. Pernet, L. Tori, La necropoli di Giubiasco: 3000 anni di storia. Un progetto di ricerca del Museo nazionale svizzero e dell’Università di Zurigo. ZAK 63/2, 2006, 113-122.