Gita nel cuore della Svizzera per festeggiare insieme i 30 anni AAT
Visite guidate al Forum della storia svizzera di Svitto con testimonianze medievali (tra le quali la Stanza nera del 1311 recentemente acquisita), al Museo dei Patti federali, con i documenti originali che risalgono alla fondazione della Confederazione, e alla grande abbazia di Einsiedeln, eretta nel 934.
Sabato 23 aprile
Forum della storia svizzera. Il museo, sede svittese del Landesmuseum che presenta la mostra intitolata "Le origini della Svizzera. In cammino dal XII al XIV secolo", è situato in un grande edificio un tempo magazzino del grano e in seguito arsenale (inizi del 1700). Restaurato nel 1995 e trasformato all'interno su quattro piani propone un itinerario realizzato partendo dal valico del San Gottardo in direzione dei cantoni primitivi, e racconta la storia del nostro paese attraverso una serie di oggetti originali (circa 600 reperti), ricostruzioni storiche e di ambienti. Come la recentissima Schwarze Stube, la stanza nera restaurata e ricostruita all'interno del museo, datata 1311 tra le più antiche testimonianze della cultura abitativa medievale. È stata salvata in extremis dagli archeologi durante la demolizione di un edificio del centro storico ed è a disposizione del pubblico dal novembre del 2015.

Museo dei Patti federali. È il naturale complemento alla visita precedente ed è situato a pochi passi dal Forum. Costruito tra il 1934 e il 1936, in un momento di profonda crisi internazionale, è subito diventato punto di riferimento per il movimento definito allora di Difesa spirituale del paese. Espone una serie di documenti originali riguardanti la movimentata e mutevole storia della vecchia Confederazione, segnata da conflitti e rotture, compromessi e cooperazione; primo fra tutti il celebre Patto del 1291. Importante la raccolta di 21 vessilli storici restaurati tra i quali le bandiere delle battaglie di Sempach e del Morgarten. Ma il museo vuole anche proporre una riflessione moderna sui miti fondatori della Confederazione e sul rapporto tra tradizione e realtà storica.

Abbazia di Einsiedeln. L'attuale Abbazia di Einsiedeln, secolare meta di pellegrinaggio, è stata edificata nel XVIII secolo quale struttura barocca con quattro cortili interni. In precedenza l'eremo ruotava attorno ad un complesso di edifici romano-gotici, fondato nell'835 dal monaco benedettino Meinrado e allargato nel 934. La chiesa dell'abbazia è arricchita dalla cappella delle Grazie in marmo nero, sotto una volta affrescata. La cappella accoglie la famosa Madonna Nera del XV secolo.